Articolo 29/01/2018 – ASL una sfida per la scuola italiana

150 150 Brunelleschi Da Vinci

Abstract

CONVEGNO “ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: UNA SFIDA PER LA SCUOLA ITALIANA”

Il convegno riprende il tema lanciato dalla Commissione europea a Bruxelles durante la vet week, discover your talent (22-24 Novembre 2017) dove alla presenza di svariati interlocutori provenienti da scuole, imprese, decisori politici e istituzionali si è discusso sulla necessità di rilanciare la formazione tecnica e professionale oggi particolarmente penalizzata rispetto alla formazione accademica.

Il motto, coniato dalla parlamentare responsabile della Commissione Occupazione, affari sociali, inclusione Madam Marianne Thyssen  è emblematico “Let’s make Vocational, Educational and Training the first choise for learners”- Rendiamo la formazione tecnica e professionale prima scelta ( e non la seconda scelta) per gli alunni.

L’Alternanza scuola-lavoro rappresenta oggi non un semplice obbligo di legge che tutti gli Istituti superiori sono chiamati ad assolvere ma una leva strategica per modificare l’idea stessa di istruzione e formazione  riconoscendo al lavoro una posizione centrale nell’educazione delle giovani generazioni.

Questo è vero per tutti gli ordini di scuola ma è cruciale nella formazione tecnica e professionale che ha tra i suoi obiettivi di fornire ai giovani sia una preparazione teorica adeguata per una  prosecuzione degli studi presso le Università  ma anche e, soprattutto,  una preparazione tecnica e giuste competenze per un inserimento immediato nel mondo del lavoro.

Per arrivare a questo occorrono sinergie: da una parte la scuola deve essere in grado di riflettere su stessa e scegliere i saperi e le modalità di trasmissione degli stessi in modo che siano costantemente aggiornati e al passo coi tempi, dall’altra le aziende devono collaborare attivamente con le scuole permettendo a tutti gli alunni di realizzare esperienze di lavoro attivo già durante gli anni di formazione scolastica.

Anche se siamo, in Italia, ben lontani dall’applicare il “sistema duale”  tedesco e del Nord  Europa, il Convegno intende ricondurre la riflessione sulla giusta importanza che il lavoro deve rivestire anche all’interno dei “programmi scolastici”  come momento fondamentale per la crescita e l’apertura delle giovani menti degli studenti e come fondamentale opportunità di capire le prospettive lavorative che essi a breve potranno ricoprire.

Una riflessione potrà essere rivolta inoltre al difficile tema della integrazione degli stranieri nel tessuto scolastico e sociale italiano.